Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Incentivi’ Category

enea.jpgL’Enea ha pubblicato la guida per usufruire delle agevolazioni fiscali sugli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, dove viene spiegato in maniera chiara quando disposto dalla legge finanziaria 2007.Quest’ultima dispone che nei confronti dei contribuenti (pertanto se non effettuate la dichiarazione dei redditi non avrete diritto ad alcun incentivo) sia prevista una detrazione Irpef del 55% da ripartirsi  in 3 annualità di pari importo per le spese affettuate fino al 31.12.2007 per interventi di riqualificazione energetica.
Hanno diritto all’intervento tutte le persone fisiche e giuridiche che nel corso del 2007 hanno realizzato opere di miglioramento dell’efficienza energetica su edifici o parte di essi di qualsiasi categoria catastale.
Gli interventi eseguiti esclusivamente su edifici esistenti ed ammessi alla detrazione sono: 
·         interventi sull’involucro edilizio, cioè sulle murature esterne e le finestre che delimitano la parte riscaldata dell’edifico dall’esterno o da vani non riscaldati; 
·         interventi di riqualificazione energetica complessiva dell’edificio; 
·         installazione di pannelli solari per produzione di acqua calda; 
·         interventi di sostituzione completa o parziale di impianti di riscaldamento con impianti dotati di caldaie a condensazione.
Le detrazioni fiscali che non sono cumulabili con le detrazioni del 36% sulle spese per i lavori di manutenzione straordinaria sugli edifici, né con altre agevolazioni fiscali nazionali. E’ possibile però la richiesta di titoli di efficienza energetica (certificati bianchi) e con altri specifici incentivi disposti da Enti Locali.
Cosa fare per poter usufruire della detrazione:
·         Richiedere ad un tecnico abilitato la certificazione energetica o l’attestato di qualificazione energetica conforme all’allegato A del Dl 19/2/2007. Entrambi devono essere redatti al termine dei lavori, e comunque non oltre il 29 febbraio 2008 da un tecnico abilitato; nel caso di attestato di qualificazione energetica, questi può essere anche il progettista dell’edificio o il direttore dei lavori. Per maggiori dettagli riguardo tali documenti si rimanda a pag. 16. 
·         Richiedere ad un tecnico abilitato l’asseverazione che attesti che l’intervento risponda ai requisiti tecnici richiesti. Questa può essere compresa in quella del direttore dei lavori sulla conformità al progetto delle opere realizzate. e può essere unica se, per uno stesso edificio o unità immobiliare, viene effettuato più di un intervento, che possa usufruire della detrazione fiscale. 
·         Effettuare i pagamenti, tramite bonifico postale o bancario, da cui risulti la causale del versamento, il Codice Fiscale del beneficiario della detrazione, la partita IVA o il Codice Fiscale del soggetto a cui il versamento è destinato. 
·         Compilare la scheda informativa relativa agli interventi realizzati conforme all’allegato E del Dl del 19/2/2007. 
·         Trasmettere all’ENEA, entro 60 giorni dalla fine dei lavori, e comunque non oltre il 29 febbraio 2008, i seguenti documenti, necessari per qualunque tipo di intervento:
– copia dell’attestato di certificazione o di qualificazione energetica;
– copia della scheda informativa (allegato E del Dl del 19/2/2007) per il monitoraggio dei risultati delle misure di incentivazione previste dalla finanziaria.
Questa documentazione può essere trasmessa utilizzando il sito www.acs.enea.it, che rilascerà ricevuta informatica, o tramite raccomandata con ricevuta semplice, a: ENEA, Dipartimento Ambiente, Cambiamenti Globali e Sviluppo Sostenibile, via Anguillarese, 301 – 00060 S. Maria di Galeria – RM, specificando come riferimento “Finanziaria 2007 riqualificazione energetica”.
·         Conservare ed eventualmente esibire, a richiesta della Amministrazione Finanziaria, tutta la documentazione, le fatture o le ricevute fiscali comprovanti le spese effettivamente sostenute; se gli interventi sono effettuati su parti comuni degli edifici, va conservata ed esibita anche copia della delibera assembleare e della tabella millesimale di ripartizione delle spese; se i lavori sono effettuati dal detentore dell’immobile, infine, va conservata la dichiarazione del consenso ai lavori da parte del possessore.
Infine preme segnalare che se gli interventi di riqualificazione energetica dell’edificio si accompagnano all’installazione di un impianto fotovoltaico, questo, in base al miglioramento dell’efficienza energetica ottenuto, ha diritto ad un aumento fino al 30% dell’incentivo previsto dal Conto Energia (D.M. 19/02/2007) che in termini pratici significa accrescere significativamente la reddittività annua dell’impianto. 

 

Annunci

Read Full Post »

blue_house.jpgDal 1 Gennaio 2007 sono operative le agevolazioni fiscali introdotte dalla legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) per la riqualificazione energetica degli edifici. Ecco le principali novità:

Pannelli solari termici

Per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2007 per l’installazione di pannelli solari destinati alla produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acquacalda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università, spetta una detrazione dall’imposta lorda per una quota pari al 55% delle spese sostenute, fino ad una detrazione massima di 60.000 Euro da ripartire in tre quote annuali di pari importo.

Pannelli solari fotovoltaici

L’articolo n. 350 della Legge Finanziaria 2007 ha introdotto l’obbligo, per gli edifici di nuova costruzione, di installare pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica in grado di garantire una produzione non inferiore a 0,2 kW per ciascuna unità abitativa. Per gli impianti fotovoltaici è inoltre possibile richiedere al GSE S.p.A. (Gestore Servizi Elettrici) l’ammissione agli incentivi “in conto energia” previsti dai decreti ministeriali 28/07/05 e 06/02/06.

(Info: numero verde 800161616, http://www.grtn.it, fotovoltaico@gsel.it)

Infine, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha emanato un Bando per le Piccole e Medie Imprese, pubblicato nella G.U. n. 12 del 16 Gennaio 2007, che prevede la corresponsione di contributi in conto capitale per la realizzazione di impianti fotovoltaici, eolici e solari.

Isolamento dell’edificio

La Finanziaria 2007 prevede detrazione del 55% in 3 anni per interventi di riduzione dei consumi energetici per la climatizzazione invernale di almeno il 20% rispetto ai valori previsti dal D.Lgs. 192/05 per i nuovi edifici (importo fino a 100.000 €) e per interventi specifici su pareti e finestre (importo fino a 60.000).

Per favorire la costruzione di nuovi edifici di medie e grandi dimensioni (volumetria superiore a 10.000 m3) con un fabbisogno energetico minore del 50% rispetto a quanto dispone il D.Lgs. 192/05, la Finanziaria prevede un contributo pari al 55% degli extra costi sostenuti. Per questa voce è previsto un fondo di 15 milioni di Euro/anno che dal 2007 al 2009, dovrebbe consentire la realizzazione di 15-20 edifici esemplari dal punto di vista energetico e replicabili sul territorio nazionale.

Impianti di riscaldamento ed elettrodomestici

E’ prevista la detrazione del 55% per la sostituzione di vecchie caldaie con altre (caldaie a condensazione) ad alta efficienza energetica (fino a un ammontare di 30.000 €) e anche, per le imprese del settore del commercio, per interventi di efficienza energetica nell’illuminazione; in quest’ultimo caso la detrazione è del 36% dei costi sostenuti.

In Finanziaria è infine prevista anche la detrazione fiscale, in un’unica rata, del 20% dei costi a carico del contribuente per la sostituzione di frigoriferi, congelatori e loro combinazioni di classe energetica non inferiore ad A+, acquistati nel 2007 (detrazione non superiore a 200 € per ciascun apparecchio).

Info: Agenzia delle Entrate, http://www.agenziaentrate.gov.it, Tel. 848.800.444

Read Full Post »

Conto energia 2007

sole.jpgCon il decreto interministeriale del 19/02/2007, pubblicato il 23/02/2007 parte ufficialmente il nuovo conto energia per il 2007.

Trà le più importanti novità abbiamo:

– semplificazione della procedura di accesso alle tariffe incentivanti e eliminazione della graduatoria

– aumento della potenza incentivabile sino a 1.200 MW e possibilità di chiedere gli incentivi anche per impianti entrati in esercizio entro 14 mesi dalla data pubblicata sul sito del GSE (gestore servizi elettrici) in cui si raggiunge la su citata potenza incentivabile. I mesi diventano 24 per i soggetti pubblici.– tariffe diffrenziate in base al grado di integrazione con la struttura architettonica che ospita l’ impianto.– maggiorazione delle tariffe per particolari soggetti quali: piccoli comuni, autoproduttori, suole e strutture sanitarie pubbliche. Il nuovo decreto diverrà pienamente operativo a partire dalla data di pubblicazione della delibera da parte dell’ Autorità per l’ energia elettrica e il gas prevista entro 60 giorni.Sarà possibile inoltre richiedere le nuove tariffe incentivanti entro 90 giorni dall’ entrata in vigore della suddetta delibera per tutti gli impianti già entrati in esercizio ma nel periodo che va dal 1° Ottobre 2005 sino all’ entrata in vigore della delibera stessa. Questo sarà possibile a determinate condizioni ed in particolare: che gli impianti fotovoltaici siano stati realizzati nel rispetto dei decreti interministeriali del 28Luglio 2005 e 6 Febbraio 2006. Tali impianti inoltre non dovranno aver beneficiato delle tariffe dei medesimi decreti.Vediamo ora più da vicino come funziona il nuovo conto energia.

COME FUNZIONA IL NUOVO CONTO ENERGIA (2007)

Lo scopo principale è quello di offrire una rendita a chi installa un impianto fotovoltaico e quindi che produce energia elettrica attraverso i pannelli fotovoltaici. Si prevede un doppio vantaggio e cioé oltre al contributo incentivante riconosciuto attraverso la vendita dell’ energia elettrica in rete l’ utente non pagherà in bolletta il proprio consumo di energia pari alla quota di energia venduta.Il conto energia è valido per tutta l’ Italia. Gli impianti fotovoltaici che rientrano nella fascia da 1 a 20 KW non sono considerati industriali e pertanto non sono soggetti a verifica ambientale a meno che gli impianti stessi non siano ubicati in aree protette. Gli impianti potranno essere realizzati anche in aree agricole senza che sia necessario il cambio di destinazione d’ uso dei siti dove sorgono gli impianti stessi.

COSA PREVEDE IL NUOVO CONTO ENERGIA (2007)

L’ obiettivo del nuovo conto energia è quello di installare 3.000 MW di potenza nominale entro il 2016. Si prevede una tappa intermedia al raggiungimento di 1.200 MW nstallati. Dopo questa sogli ci sarà una revisione del sistema.

TARIFFE INCENTIVANTI DEL NUOVO CONTO ENERGIA (2007)

Avranno diritto alle tariffe incentivanti tutti gli impianti entrati in esercizio alla data di emanazione del provvedimento ed il 31 Dicembre 2008. Dal primo Gennaio 2009 le tariffe incentivanti subiranno un decremento del 2%. Gli incentivi vanno dai 36 centesimi a 49 centesimi per KW ora a seconda della categoria in cui rientra l’ impianto.

Read Full Post »

fotovoltaico.jpgApposito bando denominato “conto energia” stabilisce i criteri e le modalità per incentivare la produzione di energia elettrica mediante gli impianti fotovoltaici ad energia solare. Sono previste la concessione di tariffe incentivanti per gli impianti domestici pari a 0,49 €/kWh. A tali incentivi si aggiungono il risparmio conseguente all’autoconsumo dell’energia prodotta (circa 0,18 €/kWh per le famiglie), o ai ricavi per la vendita della stessa energia (circa 0,09 €/kWh).

Possono beneficiare dell’intervento le persone fisiche, le persone giuridiche, i soggetti pubblici e i condomini. Il soggetto che intende realizzare un impianto fotovoltaico deve inoltrare al gestore di rete il progetto preliminare e richiedere la connessione di rete. A differenza dello scorso anno saranno ammessi alle tariffe incentivanti tutti gli impianti completati dai privati entro i successivi 14 mesi, o entro i successivi 24 mesi se realizzati da soggetti pubblici. Ciò permette di agevolare le domande in modo automatico e non per numero massimo di domande accoglibili.

Read Full Post »

senza-nome.jpgCon il 2007 si va spediti verso una tutela maggiore per l’ ambiente. La finanziaria 2007 prevede alcune norme che spingono con forza verso un pianeta più pulito. Si sono emanate normative che prevedono incentivi per chi si adopererà per una emissione minore di inquinanti.  Vediamo di seguito cosa prevede la finanziaria 2007.– Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici– Fondo per l’incentivazione di edifici ad altissima efficienza– Contributi per frigoriferi ad alta efficienza– Incentivi per l’installazione di motori industriali ad alta efficienza e a velocità variabile– Semplificazioni amministrative per i piccoli autoproduttori di produttori di energia elettrica– Riduzione dell’accisa del Gpl e incentivi all’impiego di autoveicoli a Gpl e metano– Incentivi per i biocarburanti– Iva agevolata per energia ecologica  

Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici; interventi per la riduzione dei consumi energetici per la climatizzazione invernale almeno del 20% rispetto ai valori di legge, negli edifici di nuova costruzione. La detraibilità massima in 3 anni può raggiungere i 100.000 euro. Sono previsti incentivi anche per specifici interventi riguardanti le pareti e le finestre. L’ incentivo previsto sempre in forma di detrazione dall’ irpef arriva sino a 60.000 in 3 anni euro.Ancora sono previsti incentivi sottoforma di detrazione dall’ irpef per chi installerà caldaie ad alta efficienza energetica. La cifra detraibile arriva sino a 30.000 euro sempre in 3 anni.

Fondo per l’incentivazione di edifici ad altissima efficienza energetica

La finanziaria 2007 incentiva la costruzione di fabbricati (solo per quelli con volumetria superiore a 10.000 mc.) che riducano al minimo le dispersioni energetiche. Saranno favoriti dalla finanziaria 2007 quei fabbricati che superano i 10.000 mc. e che avranno un fabbisogno energetico minore del 50% di qianto prevede l’ attuale normativa.Il fondo per l’ incentivazione di questi edifici ad altissima efficienza energetica è stabilito in 15 milioni di euro. Il fondo così previsto dovrebbe consentire la costruzione di un numero di edifici oscillante dai 15 ai 20. Tali edifici costituiranno degli esempi di risparmio energetico che potranno poi essere replicati sull’ intero territorio nazionale.

Contributi per frigoriferi ad alta efficienza

Sempre in finanziaria 2007 si prevedono contributi per chi acquisterà e sostituirà vecchi frigoriferi, congelatori e loro combinazioni di classe energetica non inferiore alla A+. Tali elettrodomestici dovranno essere acquistati entro il 2007. L’ incentivo previsto sarà in pratica uno sconto del 20% (in unica rata) sui costi degli elettrodomestici. Tale sconto non potrà in ogni caso superare la cifra di 200 euro.

Incentivi per l’installazione di motori industriali ad alta efficienza e a velocità variabile

Ci saranno incentivi anche per coloro che acquisteranno o sostituiranno motori funzionanti in bassa tensione o media tensione con motori ad elevata efficienza di potenza elettrica compresa tra 5 e 90 KW. L’ incentivo prevede una detrazione fiscale in unica rata per una quota pari al 20% dei costi e fino ad un ammontare complessivo di 1.500 euro (comprese spese di installazione) per ciascun motore.Nel caso di acquisto o installazione di inverter su impianti di potenza compresa tra 7,5 KW e 90 KW la soglia massima dell’ incentivo sarà di 1.500 euro.

Semplificazioni amministrative per i piccoli autoproduttori di produttori di energia elettrica

La finanziaria 2007 prevede il cosiddetto “scambio sul posto” fin’ ora prevista solamente per piccolissimi impianti fino a 20 KW anche ad impianti di maggiore potenza e nello specifico fino a 200 KW.Vengono inoltre semplificate alcune procedure fiscali e cancellate alcune imposte sotto il lato amminstrativo.

Riduzione dell’accisa del Gpl e incentivi all’impiego di autoveicoli a Gpl e metano

La finanziaria 2007 dispone una riduzione del 20% del carico fiscale sul GPL. L’ accisa si riduce dunque a 227,77 euro per ogni 1.000 Kg. di prodotto.

Sono previsti inoltre incentivi particolari per le modifiche dei motori per portarli a funzionamento a gas, GPL o metano nonché per l’ acquisto di veicoli che sfruttino questi sistemi di combustibile. Il fondo previsto in finanziaria 2007 è di 100 milioni di euro per gli anni 2007, 2008, 2009.

allax.jpgIncentivi per i biocarburanti

La finanziaria 2007 si allinea alla direttiva europea n° 2003/30/CE per quanto riguarda i biocarburanti. I biocarburanti dovranno essere miscelati ai carburanti attualmente in uso secondo percentuali che si incrementano nel tempo. 1% al 2005 (ormai è tardi), 2,5% al 2008 e 5% al 2010. Il fondo previsto eè di 16,7 milioni di euro.

Iva agevolata per energia ecologica

La fornitura di energia termica per uso domestico tramite La fornitura di energia termica per uso domestico tramite reti pubbliche di teleriscaldamento o nell’ambito del reti pubbliche di teleriscaldamento o nell’ambito del contratto servizio energia prevede l’Iva agevolata solo se contratto servizio energia prevede l’Iva agevolata solo se è prodotta da fonti rinnovabili o da impianti di è prodotta da fonti rinnovabili o da impianti di cogenerazione ad alto rendimento; alle forniture di energia ad alto rendimento; alle forniture di energia da altre fonti, sotto qualsiasi forma, si applica l’aliquota da altre fonti, sotto qualsiasi forma, si applica l’aliquota ordinaria. ordinaria.
La Finanziaria 2007 agevola in sostanza l’uso delle fonti rinnovabili e della rinnovabili e della cogenerazione nell’ambito dei contratti servizio energia.

Materiale tratto da virusnet.it

 

Read Full Post »